Ecco i cinque step da seguire attentamente per proporsi a un’agenzia di eventi:

1. Il canale: non scrivete su messenger, whatsapp e Instagram. Utilizzate Linkedin, che è un'ottima piattaforma, soltanto per prendere i primi contatti e capire a chi dovete scrivere. Ma la vera e propria presentazione deve essere inviata tramite mail. Eventualmente, potete far seguire una (una!) telefonata per accertarsi che la mail non sia in Spam o...nel dimenticatoio!

 2. Gli allegati: materiali fotografici, audio e video. Evitate di inoltrare 250 link a youtube e file audio fatti in casa. I materiali devono essere pochi e ben selezionati, in altissima risoluzione e preferibilmente realizzati da professionisti. Stessa cosa per le foto: rivolgetevi ad un fotografo che realizzi ritratti in studio, il quale vi saprà anche consigliare su trucco e abbigliamento. Da evitare al 100%: selfie, video fatti con il cellulare e foto datate... a bordo piscina! 

3. Il curriculum: di seguito evidenziamo gli errori più comuni, accertatevi di non commetterli!

- CV non aggiornati: come lo scopriamo? Ad esempio, perchè ci scrivete "nata nel 1985, ho 29 anni"; 

- La foto all’interno del CV: non siate creativi, sexy o simpatici. Deve essere un primo piano semplice, con un leggero sorriso (avete presente la Gioconda?), che trasmetta sicurezza e professionalità; 

- Le esperienze professionali: in una parola "inerenti". Se vi state proponendo come soprano per "La Traviata", non ci interessa che nel 1995 avete fatto l’animatrice in un villaggio turistico! E’un lavoro stupendo, ma per interpretare una buona Violetta, non serve. Selezionate soltanto le esperienze lavorative utili allo scopo;

- Ottima padronanza del Pacchetto Office: no! Soprattutto se siete artisti, ma è regola anche per gli altri, scrivete soltanto quello che vi compete davvero. Inoltre, a dirla tutta, alla nostra Violetta non serve saper utilizzare Excel; 

- Il layout: soprattutto per gli artisti, il formato "CV europeo" è davvero passato di moda. Su Google trovate infiniti spunti per realizzare grafiche personalizzate. Soltanto guardandolo, il CV può parlare di voi. Date un occhio su Google www.hloom.com

4. Il corpo della mail in tre parole: salutate, ringraziate, allegate! (controllate che ci siano gli allegati). Non inoltrate mail scritte ad altre agenzie, specialmente con il FWD in oggetto, e non fate copia incolla dimenticandovi di aggiornare il destinatario. Per concludere: attenzione ai refusi, dovete essere maniacali! Fatela rileggere anche al vostro coinquilino. Un suggerimento: fa sempre piacere scoprire cosa vi motiva ogni giorno a fare questo lavoro, perché vi svegliate al mattino e sapete che nella vita volete cantare o suonare o ballare. Vogliamo percepire la vostra grinta e la vostra voglia di fare; 

5. Web e Social: troverete un percorso dettagliato nel prossimo post. Prima di leggerlo, un passaggio fondamentale: accettare l'idea che oggi, un'artista, se non è sui Social non esiste. 

Per chi volesse qualche approfondimento in più, guardate il video su questo argomento: