Concorsi, Artist Branding ed eventi d'eccezione 

Luciano Ruotolo ci racconta la sua visione di impresa musicale, a 360 gradi 

Luciano Ruotolo, "imprenditore della musica" a 360 gradi, napoletano doc, diplomato in pianoforte col massimo dei voti al Conservatorio S. Pietro a Majella, è un ex alunno dell'Accademia Teatro alla Scala di Milano. Ha portato la sua arte in tutto il mondo, dalle tournée in Europa alla Malesia, ed è stato ospite delle Conferenze dedicate alla divulgazione del nuovo repertorio Pianistico nella University of Northern Colorado, USA, all'interno di uno suo Tour. 

Partiamo da Nomea, raccontaci come nasce e di cosa si occupa

NOMEA nasce da una scelta molto forte avvenuta a maggio 2019, quando decido di abbandonare la sicurezza di un posto di lavoro a tempo indeterminato e di fondare una società basata sulla creazione di eventi artistici innovativi, Festival e Competizioni Internazionali. Partendo dalle esperienze acquisite negli ultimi dieci anni, nei quali ho sempre dedicato parte del mio tempo al management artistico, e con un po' di fiducia in me stesso, 'ho fatto il salto'. NOMEA ha implementato gli appuntamenti che normalmente organizzavo, impostando una struttura ed una visione nuova del sistema musicale, dando spazio a giovani artisti di talento con i quali abbiamo costruito dei format che hanno avuto grande riscontro di pubblico sin da subito. Abbiamo organizzato nella bellissima Isola di Procida il 'Mimas Music Festival' con artisti provenienti da ogni parte del mondo: ha registrato sempre sold out e nel 2019 ha conferito al M° Beppe Vessicchio il 'Mimas Prize', premio nato in seno al Festival. Nonostante l'attuale pandemia globale, abbiamo continuato proponendo eventi online organizzati con enti locali che hanno avuto oltre 300.000 views, spesso connessi a raccolte benefiche. Siamo ripartiti subito a giugno 2020 dando al pubblico la massima sicurezza con offerte qualitative alte. L'ultimo progetto a favore dei giovani è la creazione di piattaforme online dedicate alle competizioni internazionali. 

Credi che i concorsi siano ancora il modo migliore per farsi strada nel mondo della musica?

Da musicista, penso che in Concorsi siano una vera palestra per i giovani. Tutto deve basarsi su un 'contesto meritocratico', abbastanza raro da trovare in questo settore: per questo, nelle nostre competizioni abbiamo inserito il Codice Etico che non permette agli allievi dei giurati di partecipare. L'esperienza con le competizioni internazionali nasce con il Neapolitan Masters Competition nato nel 2018 con una campagna crowdfunding. Siamo riusciti a portare a Napoli, all'interno della prestigiosa Sala Scarlatti del Conservatorio, oltre 120 pianisti e ad ospitare partner d'eccellenza come il Teatro Bolshoi di Mosca ed Enti governativi Asiatici. Abbiamo proseguito con l'Edizione Lirica nel 2019 e nel 2020 abbiamo portato il format in Kuala Lumpur - Malesia replicando il Concorso con l'edizione asiatica. Attualmente è attiva l'edizione online pianistica con oltre 20.000 € di Premi. Con NOMEA abbiamo lanciato il Nomea Competition interamente online con l'edizione Lirica e Musical: giuria di eccellenza, montepremi da 10.000 € e concerti premio nel 2021. Ritengo che il senso dei concorsi debba essere quello di offrire opportunità reali e creare un clima sereno per gli artisti, che mai come in questo periodo affrontano un periodo di crisi profonda. 

Hai fatto e continui a fare molto per la formazione degli artisti

La prima attività dedicata alla Formazione è stata strutturata nel 2011 con l'Accademia Musicale Europea all'interno dello splendido Palazzo Venezia Napoli, ex sede dell'Ambasciata Veneta nel Regno di Napoli. Sono stati organizzati corsi musicali di Alta Formazione dedicati al Canto Lirico e al Pianoforte sviluppati per dare possibilità ai giovani legate anche alla parte performativa. Al termine dei corsi, gli allievi meritevoli vengono inseriti in concerti e tour organizzati grazie al nostro network di portata internazionale. Nel 2021 sarà inaugurata anche una sede in Cina presso la Krause Piano Berlin di Yantai. 

Luciano Ruotolo

"Artist branding" cosa significa?

Artist branding è il nuovo corso, inserito nella proposta di Alta Formazione, che aiuta i giovani musicisti a creare e gestire il proprio "marchio artistico personale" condividendo il metodo sviluppato nei miei studi e soprattutto l'esperienza degli ultimi 10 anni. Paradossalmente, in un momento di grande crisi, è possibile sviluppare dei brand innovativi seguendo tecniche specifiche. Il corso è partito a maggio 2020 e ha avuto un grande riscontro. 

Prima di salutarti, vogliamo sapere qualcosa di te. Più pianista o più imprenditore?

La Musica è impiantata nella mia anima, il pianoforte è uno strumento che amo profondamente. Ma ho sentito l'esigenza di dare sfogo all'intraprendenza e alla voglia di creare una strada nuova, rompendo tutti gli schemi precedenti. E' un'esperienza estremamente formativa che si basa su una grande capacità di concretizzare. Fare impresa è un percorso arduo ma anche entusiasmante, nel quale ritrovo me stesso al 100%. C'è tanto da imparare e la determinazione è l'elemento fondamentale. 

Qual è il tuo rapporto con Napoli? E' la città giusta per fare impresa nello spettacolo dal vivo?

Sono innamorato di Napoli! Le sue vedute sono terapeutiche ed ispiratrici, è una grande metropoli che vive come le altre alcuni problemi di gestione, spesso messi sotto i riflettori perchè fanno più notizia. Ho conosciuto delle autentiche eccellenze in tutti i settori dalla sartoria al food, passando per l'antiquariato e il settore tecnologico. E' una città con una vitalità straordinaria. Il pubblico napoletano è molto esigente ma anche predisposto a frequentare spettacoli dal vivo, è molto stimolante perchè c'è una grandissima quantità di eventi nella città ogni giorno dedicati specialmente al pubblico locale. In situazioni normali la città ha anche un grande flusso turistico. 

Il sogno ancora da realizzare?

Creare una forte struttura intercontinentale dedicata alla Musica con un team dedicato. Poi ritornare ad organizzare eventi liberamente dopo la fine dell'emergenza Covid

E quello già realizzato?

Le organizzazioni create le ritengo in continua evoluzione, sicuramente il conferimento del 'Premio Internazionale Cartagine 2018' sezione Musica è stato motivo di grande soddisfazione. Il sogno realizzato sono le mie due piccole figlie Marta e Greta avute con Romina e... aver imparato a cucinare almeno tre piatti! 

Giusi Cuccaro - Founder of Opera e Lirica Srls